Arriva la Mille Miglia a Chianciano

Nome: Arriva La Mille Miglia A Chianciano
Descrizione: La Mille MIglia 2013 toccherà Chianciano, oltre che Pienza e Radicofani, portando le sue autovetture d’epoca nel paese termale.
Data di inizio: 16 Giugno 2013 alle 09:00
Data di termine: 19 Giugno 2013 alle 19:00

I motori si accendono e il fragore del loro scoppiettio si confonde con l’euforia di tutti gli spettatori che fremono lungo il percorso, nei borghi di mezza Italia, per veder passare le auto della Mille Miglia 2013.

Dal 1927, anno della prima corsa, la Mille Miglia è il simbolo di una tradizione italiana profonda, immersa nella bellezza dei paesaggi e nella passione automobilistica.

I 375 bolidi sfileranno in 117 comuni dipartiti in 7 regioni, partendo da Brescia giungono a Roma, solcando le splendide valli senesi, secondo lo storico percorso di 1600 km.
Le “regine” continueranno a sfrecciare imperterrite dal 16 al 19 Maggio.

Il percorso della Mille MIglia 2013Quest’anno le vetture transiteranno per Chianciano, inondandola coi loro fiammanti colori e gli assordanti rombi. Farà tappa anche a Radicofani e Buon convento e, ovviamente, a Siena.
Una lunga scia di fuoco che percorre per intero la provincia senese, lungo la Cassia, che si snoda come un serpente sotto le colline della Val di Chiana e della Val d’Orcia, tanto meravigliose da essere menzionate Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO.

Le iscrizioni quest’anno hanno raggiunto un livello record, superiore a quello della precedente sessione. Questo ha aumentato ulteriormente la qualità già elevata della rievocazione storica, con addirittura un terzo dei modelli risalenti all’ante guerra.

Ancora non sono stati divulgati i partecipanti e la griglia di partenza, che saranno resi noti dopo il 5 marzo, alla conferenza stampa che si terrà al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra.

La Mille Miglia ha inizio nel 1927 e prosegue apprezzata da tutto il mondo fino al 1957 con 24 esibizioni. Nel 1957 venne abolita a causa di un grave incedente avvenuto nei pressi di Guidizzolo, in cui persero la vita due piloti e nove spettatori, tra cui cinque bambini, a causa dello scoppio di uno pneumatico della Ferrari.
Dopo quel tragico eventi si ebbero degli strascichi di competizioni con molte limitazioni sulla velocità, per questo si può dire che da quell’anno la manifestazione è solo una rievocazione storica di straordinaria bellezza, che fonde la passione automobilistica italiana alla magica terra dell’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *